Angeli e Demoni: Un Film Intenso

Morto un papa, se ne fa un altro, recita il famoso proverbio. E infatti, alla morte del non precisato e amato papa, si tiene il conclave per stabilirne il successore. Ma proprio nei giorni della fatidica assemblea, una setta, il cui odio per la Chiesa ha origini remote, gli Illuminati, ruba un ordigno sperimentale a base di antimateria e lo nasconde in una cripta vaticana, minacciando la morte di 4 ecclesiastici rapiti e la distruzione dell’intero Vaticano entro la mezzanotte. Robert Langdon (Tom Hanks) esperto di simbologia antica, e Victoria Vetra, scienziata italiana che seguiva l’esperimento sull’antimateria, sono chiamati in Vaticano dove cercheranno di scongiurare il peggio.


Il ritmo del libro, frenetico, dagli avvenimenti incalzanti, si intreccia a un Tom Hanks che snocciola a ripetizione praline di saggezza sul Bernini e Michelangelo, su sette di Illuminati, simboli pagani e cattolici e trova indizi impossibili a una mente umana. Il laico Dan Brown, dal cui omonimo e famoso libro è tratto il film, anche questa volta riesce meglio sulle pagine che sullo schermo, forse per il ritmo eccessivo degli avvenimenti, più gestibili con la lettura, forse per una lista di indizi e simboli che nel film, per motivi di tempo, non possono essere approfonditi degnamente, risultando quindi trattati nella maniera meno superficiale possibile.

Il conflitto Chiesa-Scienza veniva smussato molto di più nel libro, forse perchè in tal modo il furbo Dan Brown non voleva precludersi l’ampia fetta di mercato dei Cattolici, e evitare critiche dal mondo dei fedelissimi: nel film questo si sente di meno, e l’immagine del cattolico pio e devoto viene in più punti a sovrapporsi con l’estremista invasato e il cospiratore malvagio. Ciò nonostante Angeli e Demoni risulta impattante come immagini, che rispecchiano bene la fantasia di chi, come me, ha letto il libro con grande passione, e intrattiene e tiene col fiato in sospeso fino alla fine: si intrecciano colpi di scena, sparatorie, enigmi antichi, forse risolti come già detto con una perizia eccessiva. Sicuramente il livello del film è buono, magari leggermente inferiore al precedente film, di 3 anni fa, tratto dal primo libro di Dan Brown ‘Il Codice Da Vinci’. Disponibile su Filmsenzalimiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *